Parassiti esterni del cane, dove vivono e come si eliminano?

Il cane è delicato e come tutti gli animali ha bisogno di cure e attenzioni da parte del suo amico umano. Nessuno vorrebbe mai vederlo sofferente e malato, ma tra le varie patologie che possono colpirlo ci sono i parassiti esterni ed interni.

Scopriamo insieme quali sono i parassiti esterni, come sopravvivono e che cosa bisogna fare per eliminarli preservando il proprio amico a quattro zampe.

Infestazioni e presenza di parassiti del cane

Le infestazioni da parassiti di un cane possono essere interne o esterne. In ogni caso ai primi sintomi è necessario rivolgersi ad un veterinario esperto, che potrà valutare lo stato di salute del cane. Una volta individuato il tipo di parassita, si potrà iniziare con la terapia corretta optando per antiparassitari in compresse per cani o altri medicinali specifici.

Per quanto riguarda le infestazioni esterne, ci sono moltissimi parassiti che un cane può incontrare durante la sua vita. Tra questi ci sono le pulci, con una durata media di vita di 20/28 giorni. Si nutrono, vivono e si accoppiano mentre sono sul cane depositando le uova che si disperdono nell’ambiente.

Soprattutto sui cuccioli, non deve mai essere sottovalutata una infestazione di pulci. Se presenti su dorso e collo è possibile che il cane si sia rotolato sul prato o abbia avuto contatto con animali infetti. Il veterinario consiglierà sicuramente la strada da intraprendere, applicando nell’immediato una pipetta oppure collare per fare in modo che scappino dall’animale.

È importante valutare che il cucciolo non sia invaso e che non abbia ingerito gli ospiti indesiderati. Questi animali sono in grado di causare anemie e altre patologie poco piacevoli, da far controllare immediatamente al medico di fiducia.

Perché le zecche sono pericolose per il cane?

Altri parassiti esterni che non devono mai essere sottovalutati sono le zecche. Questi animali attaccano i cani non più solo d’estate ma anche in inverno, considerando il cambio delle stagioni e della temperatura globale. Per questo motivo i conduttori umani dovranno fare attenzione tutto l’anno e proteggere il manto dall’attacco di questi parassiti pericolosi.

Anche loro, come le pulci, vivono e si nutrono attaccati al manto degli animali succhiando il sangue sino a quando possono. Si accoppiano e poi generano uova restando attaccate al pelo del cane, sino a quando non nascono i nuovi parassiti.

Le zecche non patiscono il freddo e il caldo, vivendo al di sotto dei 10 gradi e al di sopra dei 30 gradi. Non solo, possono restare per molto tempo a digiuno, ma senza mai spostarsi dal manto del cane.

Per eliminarle, il consiglio è di bagnarle con dell’olio di oliva attendendo che si stacchino dalle cute del cane. L’olio non permette loro di respirare e per sopravvivere dovranno staccarsi e andarsene dal luogo preferito.

Le malattie più frequenti che possono sviluppare sono:

  • Anemia che provoca una perdita di sangue ingente, con l’amico a quattro zampe molto debole e in progressivo dimagrimento;
  • Piroplasmosi, sviluppata da un parassita in grado di uccidere tutti i globuli rossi. Il cane presenta mancanza di appetito, tremori e febbre molto alta.
Posts created 227

Related Posts

Begin typing your search term above and press enter to search. Press ESC to cancel.

Back To Top

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close