Come riconoscere un vino conservato male e i rischi per la salute

Un vino “andato a male” o mal conservato presenta delle caratteristiche che possiamo imparare a riconoscere per evitare di incorrere in seri rischi per la salute.

Vediamo allora come sia possibile eludere questo pericolo attraverso l’applicazione di semplici e immediati accorgimenti.

Uno degli errori più comuni è quello di conservare il vino in un luogo inadeguato. Infatti, in base alla natura stessa del vino in questione e del suo processo di vinificazione, un determinato vino presenterà necessità di conservazione diverse da un altro. 

Il tutto ovviamente parte dal mantenimento delle variabili fondamentali della cantina: temperatura, luce, vibrazioni, esposizione, ventilazione, umidità.

 

Analisi del luogo di conservazione

Dopo la fase di imbottigliamento è bene tenere a mente che non tutti i vini possono essere conservati nello stesso luogo o alle stesse temperature.
Per esempio, il vino rosso, date le sue peculiari caratteristiche organolettiche, per poter mantiene il suo stato di conservazione ottimale, favorire il naturale invecchiamento e prevenire l’ossidazione, dovrebbe essere conservato in apposite portabottiglie vino o in cantine con le giuste caratteristiche di conservazione.

Al contrario, il vino bianco trova il suo equilibrio naturale e si conserva meglio in una moderna cantinetta vino, attraverso la quale sia possibile regolare i valori di temperatura e umidità, e mantenere così le bottiglie in un perfetto stato di conservazione.

Dopo aver fatto dunque le dovute ricerche sul fornitore del prodotto, le condizioni della cantina di provenienza, il luogo e le condizioni termiche di conservazione delle bottiglie, possiamo finalmente passare all’analisi diretta del prodotto.

Ecco alcuni accorgimenti per imparare a riconoscere difetti, malattie e alterazioni nei vini, tramite l’uso dei nostri sensi.

 

Analisi di odore, sapore e aspetto

Un tappo deteriorato, un imbottigliamento fallato, un travaso non corretto e lo stoccaggio in un luogo troppo caldo, sono tutti esempi di vino a contatto con l’aria (ossigeno) e la conseguente proliferazione di batteri acetici che sono i principali responsabili del deterioramento dell’etanolo. 

Tutto chiaro, ma…. Come ce ne accorgiamo?

Se all’olfatto percepiamo un odore pungente, simile a quello dell’aceto, significa che il vino è ossidato. In altri casi potrebbe odorare di zolfo, sempre indice di una cattiva conservazione della bottiglia. Perciò, se il sapore del vino è acidulo, acetato o zolfato, evita di bere!

Un colore spento e opaco ci indica che il vino è “passato” a causa di alterazioni dovute a reazioni di ossidazione. I vini bianchi tenderanno al giallo dorato o ambrato, mentre i rossi al marroncino.

Un alto segnale d’allarme è se si nota un “segno di cottura” sul tappo, o se lo stesso si trova leggermente fuori dalla bottiglia o, addirittura, deteriorato. Questo fenomeno è dovuto dall’esposizione a fonti di calore e temperature troppo elevate. Il vino “cotto” presenterà tonalità tendenti al marroncino con un sapore di frutta marcia caramellata.

 

I rischi per la salute

La diretta conseguenza di una inadeguata conservazione del vino è quella di compromettere le sue qualità naturali, favorendo il consumo un prodotto che potrebbe causare rischi per la salute. 

L’inosservanza delle condizioni per la conservazione del vino e il consumo di un prodotto “andato a male” si manifesta in sintomi fisici piuttosto evidenti, come ad esempio:

  • nausea, vomito e senso di disorientamento

  • gusto di metallo in bocca

  • indebolimento fisico e mentale

  • diarrea e mancanza di appetito

  • mal di testa e vertigini

  • rumore nelle orecchie e mal di gola

  • dolore al petto

Si possono inoltre verificare anche situazioni più gravi di intossicazione e avvelenamento acute, che in situazioni estreme possono anche portare all'infiammazione del pancreas, dei reni e del fegato, la perdita di coscienza e, in casi estremi, la paralisi completa. Per uno sguardo più approfondito sulle conseguenze di una scorretta conservazione e i rischi per la nostra salute si raccomanda la lettura di questa guida.

Posts created 240

Related Posts

Begin typing your search term above and press enter to search. Press ESC to cancel.

Back To Top