Ceuta e Melilla enclave spagnola

Ceuta e Melilla: Eccezione spagnola in Africa

Enclavi spagnole in Africa con secoli di storia, Ceuta e Melilla sono gli unici territori dell’UE sul suolo continentale africano. Dietro le impenetrabili recinzioni di filo spinato che proteggono i loro confini, si prospetta un futuro incerto: le ondate di immigrati irregolari, la sistemazione della crescente comunità musulmana, la contestata redditività economica e il futuro delle relazioni tra Spagna e Marocco sono questioni potenzialmente in grado di alterare l’equilibrio sociale ed economico al loro interno.

Distanti rispettivamente 14 e 130 chilometri dalla penisola iberica, Ceuta e Melilla sono enclavi spagnole che confinano con il Mediterraneo e il Marocco. Unici territori non insulari del continente africano appartenenti all’Unione Europea, le loro controverse recinzioni sono diventate il paradigma della sicurezza delle frontiere: i loro confini sono considerati i più protetti d’Europa.

Mentre sono i tentativi collettivi di violare le loro fortezze metalliche ad attirare spesso l’attenzione dei media internazionali, all’interno di queste città autonome la realtà è tanto particolare quanto inquietante. La loro unicità geografica ha favorito la costituzione di un carattere eccezionale nella sfera politica, militare, giuridica, fiscale, economica, istituzionale e sociale, che ha portato a un complesso equilibrio che ha cercato di preservare la vitalità in tutte salse.

Tuttavia, questo equilibrio è sempre più fragile di fronte alle tendenze attuali: la securizzazione dei loro confini fino a superare i limiti della legalità internazionale, la debolezza di un’economia dipendente dal contrabbando, il crescente peso demografico della comunità musulmana, la precarietà e l’emarginazione di una parte della popolazione e la radicalizzazione islamista sono sfide che probabilmente modificheranno la realtà di entrambe le exclave nei prossimi anni.

Melilla-citta-marocco-con-sovranita-spagnola
Porto della città di Melilla

Perché non sono considerate colonie?

Economicamente dipendenti e prive del peso strategico di cui godevano un tempo, Ceuta e Melilla continuano a possedere gran parte del loro prestigio storico e simbolico, in particolare tra le file dell’esercito spagnolo, senza la cui presenza non si può comprendere la loro storia. Per questo motivo la sovranità di entrambe le città è una questione non negoziabile per Madrid, che le considera parte della sua integrità territoriale, così come le isole Canarie e le altre località minori che ancora detiene al largo della costa marocchina: le isole Chafarinas e Alhucemas e lo scoglio di Vélez de la Gomera.

Ceuta e Melilla – rispettivamente 19 e 12 km²appartengono alla Spagna dal XVII secolo nel primo caso e dal XV secolo nel secondo. La prima fu conquistata dal Portogallo nel 1415 e divenne parte dell’Unione Iberica con la Spagna nel 1580. Alla fine dell’Unione, nel 1640, rimase sotto il dominio spagnolo e lo è tuttora. Melilla fu conquistata dalla Castiglia nel 1497. Le ragioni dell’acquisizione di queste due grandi città del Mediterraneo meridionale avevano a che fare con l’influenza marittima nello strategico Stretto di Gibilterra e con il rafforzamento della sicurezza marittima di fronte all’incisiva pirateria. Da allora Ceuta e Melilla vissero praticamente con le spalle al resto del continente africano e furono abitate principalmente da soldati e galeotti esiliati dai confini della Penisola. Questa tendenza è proseguita in larga misura fino all’ultimo terzo del XIX secolo, quando entrambe le città hanno acquisito lo status di porto franco, che ha favorito il commercio, e il divieto di residenza per i cittadini di origine magrebina è stato abrogato.

All’epoca del protettorato spagnolo in Nord Africa (1912-1956), queste due città furono escluse e rimasero legate alla terraferma, per cui alla sua conclusione la Spagna non cedette la propria sovranità al nuovo Stato indipendente del Marocco. Dopo la dittatura di Franco – salito al potere dopo una guerra civile iniziata con la rivolta militare di Melilla – entrambe le città divennero comuni andalusi. Tuttavia, si riservavano il diritto di diventare entità autonome quando i loro consigli comunali lo avessero deciso. Di conseguenza, dal 1995 hanno lo status di “città autonome”, una sorta di ibrido giuridico i cui poteri sono molto inferiori a quelli di una comunità autonoma – ad esempio, non hanno capacità legislativa o la gestione della sanità o dell’istruzione – ma superiori a quelli di un comune.

Da parte sua, il Regno del Marocco ha rivendicato fin dalla sua indipendenza come Stato che queste città sono marocchine, ispirandosi alla tesi irredentista del Grande Marocco, che ha preso forza negli anni Sessanta e Settanta. Ha persino chiesto formalmente il loro ritorno alle Nazioni Unite in occasione dell’acquisizione dello status di città autonome. Tuttavia, la posizione della Spagna è stata inamovibile e sostenuta dal diritto internazionale: l’ONU non ha incluso queste enclave africane nell’elenco dei territori in attesa di decolonizzazione, poiché entrambe le località sono ininterrottamente spagnole da secoli, prima che il Marocco esistesse come entità politica e prima ancora che l’attuale dinastia alauita fosse istituita nel 1631.

Per gli interessi spagnoli, si tratta di un’approvazione decisiva che diventa ancora più rilevante se si considera che sia Gibilterra – appartenente al Regno Unito – sia il Sahara occidentale – de jure appartenente alla Spagna ma occupato dal Marocco – sono inclusi tra i territori da decolonizzare. Il paragone non è banale: per difendere la loro legittimità sui rispettivi territori, sia il Marocco che il Regno Unito hanno cercato di fare dei paralleli con i possedimenti spagnoli e hanno persino tentato di collegare l’ipotetica de-occupazione dei loro territori a quella di Ceuta e Melilla.

I recinti dell’Europa

Con l’adesione della Spagna alle Comunità europee nel 1986, Ceuta e Melilla sono diventate gli unici territori dell’Unione europea in territorio africano. Tuttavia, le loro peculiarità geografiche hanno comportato delle anomalie giuridiche, poiché entrambe le città sono fuori dal regime tariffario dell’Unione e, sebbene facciano formalmente parte dell’area Schengen, questa non si applica nella sua interezza, in quanto i controlli di frontiera vengono effettuati quando si lascia queste exclavi per il resto della Spagna. Inoltre, questi territori sono in linea di principio fuori dalla copertura della NATO.

L’ingresso di Ceuta e Melilla nell’UE prima e in Schengen poi ha avuto l’effetto, da un lato, di avvicinare queste città al continente europeo e di farle riconoscere da Bruxelles come territori speciali, ma dall’altro, in modo significativo, ha portato anche a un rafforzamento della sicurezza di un confine la cui impenetrabilità è andata aumentando fino a oggi. Attualmente esistono due recinzioni consecutive nel caso di Ceuta e tre a Melilla, alte fino a sei metri, rinforzate con concertine – nonostante l’impegno dell’attuale governo spagnolo a rimuoverle – sofisticati sistemi di sorveglianza e un dispiegamento non indifferente di personale di sicurezza su entrambi i lati del confine. Il Marocco, dopo la grande crisi dei tentativi di massa di saltare i recinti nel 2005, protegge anche due frontiere che, paradossalmente, non riconosce come legittime.

La sicurezza dei confini di Ceuta e Melilla è un esempio paradigmatico della cosiddetta Fortezza Europa, che consiste nella libertà di movimento all’interno del continente al costo di un controllo inespugnabile delle frontiere. A Ceuta e Melilla, inoltre, diverse ONG e altre istituzioni internazionali, come il Consiglio d’Europa, hanno denunciato violazioni dei diritti umani e altre pratiche migratorie contrarie al diritto internazionale. I rimpatri a caldo, per i quali la Corte europea dei diritti umani ha condannato il governo nel 2017, continuano a essere frequenti nelle exclavi, dove è praticamente impossibile chiedere protezione internazionale. Inoltre, i pochi che riescono a saltare la recinzione e ad accedere al territorio europeo vengono inviati in centri di accoglienza temporanea dove spesso sono sovraffollati e intrappolati in attesa dell’autorizzazione a essere trasferiti nella Spagna continentale.

Tuttavia, i tentativi non cessano e a volte si verificano in massa, con diverse centinaia di migranti che cercano di aggirare la complessa rete di sicurezza nello stesso momento, come è accaduto nell’estate del 2018. Solo nella prima metà di quell’anno, il numero di immigrati irregolari che hanno raggiunto Ceuta e Melilla ha superato le 4.000 unità, anche se solo una piccola parte di coloro che tentano il salto riesce a ottenere l’accesso alle esclavi europee.

Vantaggi geopolitici nelle relazioni tra Spagna e Marocco

Un’altra particolarità di queste due enclavi spagnole è che rappresentano degli ostacoli diplomatici nelle relazioni tra Spagna e Marocco, due Paesi che hanno bisogno l’uno dell’altro nei settori della sicurezza e del controllo dell’immigrazione – nel caso della Spagna – e nella sfera economica – nel caso del Marocco. Anche se di solito la cordialità prevale di fronte ai disaccordi, Ceuta e Melilla tendono a essere due pedine che il regno alauita getta sulla scacchiera della diplomazia bilaterale ogni volta che la partita sta attraversando una situazione delicata per i suoi interessi.

La rivendicazione della sovranità di Rabat mantiene solitamente un basso profilo, ma è suscettibile di acquisire dimensioni più significative e di diventare il motivo centrale delle dispute diplomatiche, come è accaduto negli anni 2000. All’inizio del secolo, il governo spagnolo di José María Aznar è diventato più favorevole al diritto all’autodeterminazione del Sahara occidentale e più critico nei confronti della gestione dell’immigrazione del suo vicino meridionale, che sia la Spagna che l’UE utilizzano come barriera per contenere l’immigrazione subsahariana. Il risultato è stata la più grande crisi diplomatica bilaterale da quando Mohammed VI è salito al trono nel 1999. Nei mesi successivi seguirono il ritiro dell’ambasciatore marocchino da Madrid, l’occupazione da parte dei gendarmi marocchini dell’isola di Perejil, al largo delle coste nordafricane – che richiese l’intervento dell’esercito spagnolo – e la denuncia dell’occupazione spagnola di Ceuta e Melilla da parte del re alauita.

Sebbene la cordialità sia stata ripristinata nel 2004 con l’arrivo del nuovo governo socialista a Madrid, la prima e unica visita dell’allora re e regina di Spagna a Ceuta e Melilla nel 2007 – che ha coinciso anche con l’anniversario della Marcia Verde, con cui il Marocco occupò il Sahara occidentale nel 1975 – ha scatenato nuovamente l’aggressione marocchina. Il governo marocchino ha nuovamente richiamato il suo ambasciatore in Spagna per consultazioni e il re marocchino ha nuovamente rivendicato la sovranità sulle due città per l’ultima volta fino ad oggi. Da allora, né il re emerito spagnolo né il suo successore hanno messo piede nelle enclave nordafricane; di fatto, sono le uniche regioni autonome spagnole che Felipe VI non ha visitato dalla sua incoronazione nel 2014.

Ceuta-citta-marocco-con-sovranita-spagnola
Veduta della città di Ceuta

Una transizione travagliata

Dietro i battibecchi, la questione di fondo è l’interdipendenza non solo tra i due Paesi, ma anche tra le exclave spagnole e le regioni marocchine adiacenti. L’attività di contrabbando – eufemisticamente chiamata “commercio atipico” dalla Spagna – è una delle principali fonti di sostentamento economico sia delle exclave che delle depresse regioni marocchine limitrofe, in particolare nel caso di Melilla. Nonostante la sua natura illegale, questa attività è tollerata e persino incoraggiata dalle autorità di entrambi i Paesi. Infatti, i cittadini nati nelle province marocchine di Nador e Tetouan non hanno bisogno di un visto per entrare nelle exclavi spagnole. Inoltre, è favorito da privilegi sia fiscali – ad esempio, c’è un’imposta diversa da quella sul valore aggiunto presente nella Penisola – sia doganali – si tratta di porti franchi che non fanno parte dell’Unione doganale. Sebbene non esistano cifre ufficiali, si stima che questa attività generi più di un miliardo di euro all’anno.

Tradizionalmente, la vita quotidiana al confine è scandita dalle code di migliaia di facchini marocchini, per lo più donne, che caricano pacchi di merci di ogni tipo per contrabbandarle e rivenderle nel loro Paese. In alcune occasioni, questo processo palesemente precario è sfociato in rivolte che hanno provocato vittime. Fino a quando a Ceuta l’ingresso era limitato a 4.000 facchini al giorno, ne passavano decine di migliaia al giorno; a Melilla, fino a 30.000. Tuttavia, la realtà è cambiata drasticamente nel caso di Melilla: nell’agosto 2018, il governo marocchino ha deciso unilateralmente di chiudere l’ufficio doganale commerciale istituito nel 1956 di comune accordo – a differenza di Ceuta, dove il Marocco non ha riconosciuto alcun ufficio doganale. Di conseguenza, si è verificata un’improvvisa interruzione del commercio legale e atipico con la città spagnola, una manovra con cui il regno alauita spera di favorire il suo progetto commerciale nel porto di Nador. La misura, logicamente, ha danneggiato i commercianti da entrambi i lati del confine, con conseguenze disastrose per l’economia dell’exclave spagnola.

La decisione del Marocco è servita a mettere in evidenza la vulnerabilità dell’economia di Melilla e ha riaperto il dibattito sulla sostenibilità socio-economica delle exclave, basata non solo sul commercio ma anche sulle sovvenzioni statali e sulle esenzioni fiscali. Ceuta e Melilla sono le regioni autonome spagnole con i più alti tassi di disoccupazione – rispettivamente al 30% e al 24% nel 2018, sono anche tra i più bassi dell’UE – e più della metà degli occupati sono dipendenti pubblici. Se dovessimo considerare solo la disoccupazione giovanile, il dato supera il 60% a Melilla e il 50% a Ceuta. Di fronte alle scoraggianti prospettive economiche di un futuro prevedibile senza contrabbando, una delle alternative che sta prendendo piede è l’attrazione di aziende e servizi online basati sulla tecnologia, compresi quelli dedicati al controverso gioco d’azzardo online. Nel caso di Melilla, il suo governo ha già approvato una drastica riduzione delle imposte per la sua attività, dal 25% allo 0,5%, oltre all’attuale sconto del 50% per entrambe le exclavi sulle imposte sul reddito, sulle società e sulla sicurezza sociale. Insomma, la deriva sembra essere verso il modello Gibilterra, che significherebbe dover competere con l’istmo, considerato un paradiso fiscale.

Ma non è solo l’economia ad avere un futuro incerto. La convivenza sociale e la stabilità politica potrebbero essere sostanzialmente alterate nei prossimi decenni a causa del crescente peso demografico della popolazione musulmana. Di fatto, è già maggioranza a Melilla e si sta gradualmente avvicinando alla metà a Ceuta. La stragrande maggioranza di questi musulmani sono spagnoli di origine o discendenza marocchina, favoriti in larga misura dalla concessione della cittadinanza ai marocchini residenti nelle exclavi nel 1986. Entrambe le percentuali tenderanno ad aumentare in futuro, poiché questo settore della società è la forza trainante della crescita demografica in queste regioni autonome, che hanno i più alti tassi di giovani, di natalità, di matrimoni e di incremento naturale in Spagna. La crescita della popolazione, inoltre, trova poco spazio nella limitata economia locale, il che rappresenta una sfida per la sostenibilità e la stabilità delle città autonome.

Inoltre, c’è da aspettarsi che la popolazione di origine marocchina aumenti il suo peso politico, finora marginale, a scapito dei suoi concittadini di origine peninsulare, che vedono questo sviluppo con un certo sospetto. Tra le due comunità, il modello è stato finora quello della coesistenza più che della convivenza, con una marcata segregazione spaziale e sociale, come dimostrano i pochi matrimoni misti e gli indicatori socio-economici più poveri da parte dei musulmani: la maggioranza vive in quartieri più emarginati, soffre di un maggiore insuccesso scolastico e di disoccupazione, e occupa lavori più precari. Questa situazione è aggravata tra i più giovani, il che ha portato alla gestazione di un sentimento di disaffezione che costituisce un terreno ideale per la loro radicalizzazione violenta. Non invano Ceuta e Melilla sono state le città in cui è stato rilevato il maggior numero di episodi di attività jihadista in Spagna negli ultimi anni.

In breve, le tendenze attuali suggeriscono un cambiamento dell’identità politica, economica e sociale di queste città autonome nel medio e lungo termine. I prossimi lustri saranno sicuramente cruciali per il loro futuro. Spetterà ai leader di Ceuta, Melilla e Madrid rendere agevole questa prevedibile transizione. Così come stanno già cercando modelli economici alternativi, devono anche concentrarsi su modelli di convivenza più efficaci che promuovano la riduzione di una doppia frattura sociale, politica ed economica: quella che è radicata sia tra i loro cittadini che tra queste regioni autonome e il resto della Spagna.

Posts created 278

Related Posts

Begin typing your search term above and press enter to search. Press ESC to cancel.

Back To Top